MIracoLO

Benvenuto, nostro MIracoLO…già 1 mese (più altri 9!), domani, che sei uno di Noi…

“Dormi

Dopo onde schiumose ed enormi

Pesciolino arenato al mio fianco

Nel lenzuolo di un’isola bianca

Sei venuto dal mare e sei stanco

Son venuta dal mondo, son stanca

Riposiamoci dallo stupore

Ci saranno tantissimi giorni

Ora calma il tuo cuore

Dormi”

Tratto da B.Tognolini, P.Valentinis, “Mammalingua”
(Il primo libro di Elio, Teo, Milo e…di Mamma Romy!)

Dopo i baci, dopo le lacrime di commozione, dopo gli “Amore, sono io, mi riconosci? Sono la Mamma…”, dopo gli sguardi, e il tuo sguardo, posso dirlo convinta di non esagerare, è unico, indescrivibile, serio serio e buffo buffo, pieno di parole che ancora non sai dire…dopo il primo pelle a pelle che non dimenticherò mai dovessi vivere un milione di anni, quando la Cri, ostetrica e fortunatamente nostra cara amica, ti ha posato sul mio petto e sul mio viso…dopo le parole, dopo la poppa per sentirsi ancora parte l’uno dell’altra, ti sei addormentato, ormai certo di me e del mio abbraccio, innamorato come me di noi, mentre io ti leggevo la nostra poesia, quella di ogni nascita nella nostra famiglia, dandoti il benvenuto nel modo che mi piace di più, sussurrandoti parole, sfiorando la tua pelle con le labbra…

 Benvenuto Amore mio, e benvenuti i tuoi capelli di velluto, le tue piccole orecchie che sono chioccioline, il tuo visino disegnato, il tuo collino cicciotto, la tua vocina decisa e soffice, la panciotta piena e tonda sulle gamberulle minuscole, le meline striminzite, le tue manine che cercano, le dita lunghe e affusolate, e i tuoi piedini, una miniatura, ogni ditino una pietruzza preziosa…e un benvenuto nella mia vita a quello schiocco della lingua quando finisci la tua poppata, ormai sazio e appagato dalle coccole, guardandomi con quello sguardo fiducioso e sicuro…

Benvenuto in questa Famiglia, benvenuto a Casa, nostro MIracoLO!

 

Standard

Nove e Nove Diciotto

E poi c’era anche questo, rimasto nella penna degli ultimi giorni di PanciOne…

Sei qua dentro che balli, nuoti, pedali, ti allunghi come un micio al risveglio, e non sai che tutto sta per iniziare, la vita qua fuori, e qualcosa per finire, la vita qua dentro, mentre qualcosa continuerà per sempre…la nostra storia d’Amore.

Speravo tanto questa volta di avere anche noi la sorpresa di scoprire, un bel giorno o nel cuore di una notte, che il momento era arrivato, e invece, come per i tuoi fratelli, ci è stato dato un appuntamento, calendario alla mano. E così nascerai, noi sapremo che nascerai e tu lo scoprirai nel giro di pochi attimi…ti prometto che io e il BabbOne ti scalderemo, accoglieremo, abbracceremo, sussurreremo nella maniera più forte e delicata insieme per farti sentire meno estranea possibile questa vita…e ti accompagneremo minuto dopo minuto a conoscerla…sai, Milo, può essere bellissima e avvolgente, forse non come dentro la mia pancia ma quasi…e piano piano, senza strappi, conoscerai l’aria, la luce, la fame, il latte, la pelle, il rumore, l’affetto…l’Amore, le coccole, i tuoi genitori, i tuoi fratelli che ti aspettano ormai impazienti, i nonni, gli Amici…e la nanna, spero!

E comunque, niente viene a caso…crederci o no nei numeri non importa, ma la matematica non è un’opinione, e il caso è almeno buffo…Teo è nato il 9, Elio è nato il 9…9+9=18, e il Diciotto Gennaio tu sarai con noi!

Sei arrivato dentro di me come un MIracoLO, quando non l’avrei mai detto, hai deciso di tornare e restare e hai fatto tutto tu; e per 9 mesi sei stato la parte più movimentata di me, un caldo Amore che viene da dentro, il motivo del mio continuo stupore…va benissimo, sono felice di avere un appuntamento con te, e come la più innamorata delle innamorate, questo mi riempie di emozione, euforia, qualche pensiero e tanta prospettiva (lascia fare, è una cosa da genitori!)

 

Standard