“Mamma, io cucino i tuoi baci con la mia padella…”

20140225-144041.jpg

Io non lo so cosa vuoi dire, e davvero, non importa per niente cosa tu voglia dire, come ti sia venuta in mente una poesia come questa…perché questa è Poesia.

Sei un germoglio, da due anni e mezzo non fai che crescere, sorridi, strilli, riempi le mie giornate, e guardi il nostro piccolo mondo con i tuoi occhi al caffè…eppure, ti basta far uscire un paio di parole da quella bocca birbante e mi spalanchi gli occhi con verità inaspettate, e il cuore con una tenerezza disarmante.
Grazie per avermi cambiata quel pò, per avermi sollevata qb sopra la realtà, per avermi insegnato a dare meno per scontato, e anche che…i baci vanno cucinati, rosolati lentamente, con la migliore delle padelle!

Standard