Van Gogh Alive

Van Gogh Alive arriva a Firenze (e ci resta fino al 12 aprile) e ci conquista!

E’ solo positivo quando le iniziative, peraltro innovative, vengono accolte a Firenze: spesso si ha l’idea che la nostra città rischi di cristallizzarsi, che viva dei secoli di arte che l’hanno resa unica, ma che questo possa non bastare già ora, ed in prospettiva; se il tesoro che c’è non viene valorizzato, reso tutto più accessibile a tutti, promosso, e se non viene integrato con nuove proposte e opportunità, si rischia di limitarsi, di restare a guardare cosa c’è di nuovo nelle altre città.

Poi però ci sono volte in cui si ha la piacevole sensazione che qualcosa fermenti, e che da eventi ormai irrinunciabili come Taste, ad altre recenti o prossime iniziative culturali o di intrattenimento (pensando a questi giorni, STREEAT – food truck festival, 10-12 aprile, e The Color Run Firenze, il 23 maggio), e non ultimo, appunto, a Van Gogh Alive, anche a Firenze si possa venir sorpresi dal nuovo e dal diverso!

 

Van Gogh Alive è un’esperienza multimediale adatta a grandi e piccini: i capolavori di Van Gogh vengono presentati in modo inedito ed emozionante, in un tutt’uno di immagini, luci, colori e musica.

Le opere più famose di Van Gogh e le sue parole, estratte dai suoi scritti, sono proiettate nel contesto particolare ed affascinante della Chiesa di S.Stefano al Ponte grazie ad un innovaIMG_4922.JPGtivo sistema (SENSORY4) che integra 40 proiettori ad alta definizione, grafica e suono surround.

Il risultato è suggestivo e coinvolgente, e non a caso sta avendo anche grande successo tra le famiglie.

Salendo la scalinata che fa accedere alle proiezioni si viene inondati di luce e musica…

 

Noi siamo entrando pesticciando un tappeto d’erba sulle note di un valzer, poi ci siamo sdraiati sul telo a terra tra papaveri e spighe di grano, per poi correre sui binari del treno…le immagini pervadono l’ambiente, su tutte le pareti, sul pavimento, e i bambini ne vengono stregati, mentre cercano di raccogliere girasoli in aria o toccare le stelle…. 

E così circa 40 minuti di proiezioni incantano e volano, lasciando molto soddisfatti noi e ancor più incuriositi ET…allora via in biblioteca a cercare “Mio caro Van Gogh” (di Alessandro Sanna, ed. Artebambini)…dalle nostre parti è scoppiata la “Van Gogh mania”!

Standard